giovedì 17 luglio 2014

COME TE NESSUNO MAI.



Sono stata al mare qualche giorno,
con i bimbi ma senza il mio maritino
(no, non da sola, c'era con noi Federica che mi ha dato una mano..grazie Fede!)

eh....

io in vacanza non ci so stare

lontano dalla mia casa non ci so stare

lontano da mio marito non ci so stare 
(no, non è così, ma diciamo che le cose preferisco farle con lui, ecco!
questa precisazione la faccio perchè altrimenti mia mamma, che leggerà questo post, 
mi prende in giro per il resto dei miei giorni! prrrr!!)

lontana dalla mia fattoria non ci so stare

anche i miei figli a quanto pare:
il giorno prima di ritornare a casa ho detto a GG
"amore, domani torniamo a casa sai?" e lui, sapete che mi ha risposto?
"grazie".
Mi ha spiazzata!

Sarà che solo qui...
mi sento davvero me stessa.

Sarà che solo qui trovo un senso
a quello che faccio;
che posso fare quello in cui credo

Viaggiare mi piace e mi piacerebbe,
ma i bimbi sono ancora troppo piccoli e la mia idea di viaggio sarebbe un po' troppo impegnativa e faticosa per loro.

Viaggiare sì... 
non fare vita da spiaggia...
per me un'attività piuttosto inutile e poco stimolante...

viaggeremo, negli anni a venire, oh sì che viaggeremo!

Intanto scopriamo e godiamo di ciò che ci circonda...
che c'è molta gente che ha girato mezzo mondo
e non conosce nemmeno
il bosco che ha dietro casa.

E ci rinchiudiamo e rifugiamo un po' in questo nostro accogliente nido,
sia che le cose vadano bene,
sia e sopratutto quando invece vanno male...

perchè ogni volta che mi allontano da casa...
non vedo l'ora di ritornare...
perchè in giro...
molto spesso...
vedo tante, troppe cose che proprio non mi van giù.







U






Un paio di foto di noi al mare ve le metto?….ma sì, dai!!






                                                                

30 commenti:

  1. Ti capisco cara Francesca...anche da giovane io sentivo il bisogno di casa di certezza di coccole che la vacanza non mi ha mai dato.Ho viaggiato tanto con piacere, ma sempre con la voglia di casa...c'è chi nasce giramondo e chi nasce casalingo....chi ha la fortuna di avere una casa come la tua ed un lavoro che ama...non ha bisogno di vacanza!
    La vacanza serve per scappare dalla routine...ma perché uno deve scappare...se dove si trova..lo fa sentire già in vacanza!
    Un bacio tua Pat ( ps. Anche io senza mio marito...non mi diverto...è un buon segno credo....è 48 anni che ci divertiamo insieme♥)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Patrizia,
      come al solito ai colto nel segno!
      Tu sì che mi capisci!
      Bacione

      Elimina
  2. Sai Francesca anche io ho sempre quella voglia di casa, quando ritorno mi sembra sia passata una vita e tutto mi pare nuovo e diverso
    ma il mare fa bene hai bambini, cambiare aria giova a renderli più forti durante l'inverno
    hai fatto bene a dedicarti qualche giorno di vacanza con loro ma, che bello leggere che il tuo ometto non vedeva l'ora di ritornare a casa
    non è facile stare tanti giorni via da casa quando si hanno tanti animali da accudire
    buona settimana da trascorrere tra la splendida natura che ti circonda Valeria

    RispondiElimina
  3. Che bello! Francesca tu vivi in un posto bellissimo, quindi capisco perfettamente il tuo pensiero. I viaggi più impegnativi arriveranno e i tuoi figli saranno felicissimi di viverli con voi!

    RispondiElimina
  4. ...mentre leggevo per un attimo ho avuto un trasfer: ma questo post l'ha scritto lei o io?...Francesca non sai quanto Ti capisco, anch'io non amo la vita da spiaggia, la trovo inutile, per rilassarmi ho bisogno di stimoli e non di starmene al sole come una mummia, meglio una gita in un luogo d'arte o alla scoperta della natura piuttosto che trascorrere ore su di una sdraio.
    Concordo in pieno sul discorso che come si sta bene a casa propria manco in un hotel a 10 stelle...Christian quando stiamo fuori di casa per più di 3 h inizia a dire che "vuole la sua casa"...Giada ancora peggio, dopo qualche ora fuori sospira "casa dolce casa"...direi che ho detto tutto!.........ah no l'ultima: Ti capisco soprattutto sul non saper stare senza il proprio compagno di vita, io senza di mio marito non ci so proprio stare e sfottò di mamma a parte, in fondo in fondo se li abbiamo scelti un motivo ci sarà!!!

    RispondiElimina
  5. Condivido con voi tutto. ..marito casa figli che nel mio caso ancora è una e non parla..ma ammetto che.è bello allontanarsi
    ..altrimenti questa sensazione non lo provi

    RispondiElimina
  6. Perdonami ho sbagliato post!!! La mia domanda si riferiva alla seconda foto di questo post... Sono imbalsamati? Carmela

    RispondiElimina
  7. perfettamente in sintonia, Francesca! ...tanto che sto progettando le mie vacanze a casa, finalmente ad oziare nel mio giardino. La mia amaca, che rimane spesso deserta, ed un buon libro o forse più di uno mi faranno bene, molto di più di una sdraio in una qualsiasi spiaggia. Viaggiare mi piace, ma le mie mete ora sono,per tanti motivi, irraggiungibili, ma non lo resteranno per sempre! Buon ritorno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente la mia idea di massimo relax! un buon libro, un'amaca in giardino e magari anche una pentola di marmellata che sobbolle sul fornello, in attesa di essere invasata! Ah...che goduria!

      Elimina
  8. Complimenti Francesca,
    è sempre un piacere leggere qualcosa di voi...ho ritrovato le mie parole in quelle dette da te sul viaggiare..."c'è gente che ha girato mezzo mondo ma non conosce il bosco dietro casa sua", la penso esattamente come te e lo dico spesso quando parlo con amici e conoscenti!!
    Continua così, un abbraccio, Claudia!!

    RispondiElimina
  9. Non sono mai stata capace di stare ferma neanche al mare, e che è stare lì distese la sole, come se ti avessero sparato....no no, non era cosa mia e allora mi portavo in spiaggia la mia borsa con i miei "pastrocchi", ferri, uncinetto, ricamini e non m'importava niente di quello che gli altri pensavano. In montagna andavo a boschi alla ricerca di frutti, erbe, quello si che per me era divertimento. Pure io dopo un pò che stavo in giro però non vedevo l'ora di tornare a casa, e mio marito mi prendeva in giro, ma son fatta così punto. Ti capisco benissimo e condivido. Hai una casa che già ti fa sentire in vacanza, con quel verde che ti circonda, con gli animali, il tuo orto, il profumo della terra, dell'erba.....se pensi che c'è chi vive in palazzi circondati da cemento e basta.....Batti 5 Francesca! Un bacione ai tuoi cuccioli d'uomo. Paola

    RispondiElimina
  10. riguardo alle beccacce... non mi dire che tuo marito fa il cacciatore!...

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Francesca!!!! Ho fatto un errore: credere che la bellezza della tua casa rispecchiasse quella della tua anima... come al solito l'apparenza inganna!!!! Mi rendo conto che in questo mondo ci riempiamo la bocca della parola rispetto,rispetto per il prossimo, per la natura.... bla bla bla...ma è evidentemente un concetto astratto... Chissà quale sarebbe il tuo pensiero se solo per poche ore il mondo si rovesciasse e tu fossi l'uomo (inteso come genere umano) imbalsamato nella villa della Sig.ra Beccaccina.. Carmela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Carmela.
      Sapevo che questa sarebbe stata la tua reazione.
      Mi spiace, io però non ho mai detto di essere un' anticaccia, una vegetariana o cose del genere. Noi gli animali li alleviamo (intendo dire galline, faraone, oche, anatre) per mangiarli e per evitare di ricorrere alla carne industriale che si trova nei supermercati. Ed in quanto alla caccia, mio marito era cacciatore di cinghiali ma ora ha smesso ed invece è cacciatore mio padre. Non mi vergogno di questa cosa e non la nascondo nemmeno.Tanto più che lui è un cacciatore di quelli molto oculati, che non fa stragi (per esempio, sono 2 anni che non porta a casa un animale, e non perchè non sia un buon tiratore, ma semplicemente perchè lui seleziona e non spara a tutto quello che vola. non spara alle femmine, non spara ai piccoli, solo ai capi vecchi che impediscono ai giovani di riprodursi perchè li ostacolano in ogni modo, a volte uccidendoli. Eh già, ci sono anche questi aspetti nella natura che tu, da naturalista sicuramente informata, conoscerai benissimo.
      Comunque, io non mi sento di dovermi scusare nè dare giustificazioni.
      So io quanto amo la natura e come lavoro sodo per curarla e mantenerla al meglio....un prato lasciato sempre lì com'è ad esempio (perchè chi ha il tuo atteggiamento molto spesso insiste sul fatto che la natura non va toccata in nessun modo)....bè...diventa solo un grosso cespuglio di rovi.... eh bè...avrò ucciso qualche pianta per permettere al prato di sopravvivere...bisogna pure fare dei compromessi.
      E in quanto alla bellezza della mia anima...oddio... non so dirlo io se sia bella o meno...e tu, nemmeno conoscendomi, ma solo vedendo questa foto, ti permetti di dirmi una cosa così? eh bè...forse ogni tanto bisognerebbe mettersi davanti ad uno specchio e pensare innanzi tutto alla bellezza della propria di anima!
      Cordialmente
      Francesca

      Elimina
  12. Hai ragione!!! Infatti non credo che la mia anima sia bella... ma ci lavoro perchè lo diventi ... forse non ci riuscirò mai....Non sono vegetariana ed ho visto prati stupendi... proprio perchè curati....Però ti prego non offendere l'intelligenza delle tue lettrici... Un cacciatore oculato o non è sempre un cacciatore...Immaginare tuo padre che aiuta i giovani volatili a riprodursi sparando ai vecchi è davvero ridicolo!!! Lo sai che esiste un ecosistema? La natura fa il suo corso anche senza l'intervento violento e disumano dell'uomo...Ti ho fatto una domanda nel commento precedente e non hai risposto, perchè preoccupata della mia anima... ti ringrazio...te la ripongo ora... Se fosse la tua famiglia che vola in cielo e qualcuno sparasse a tuo padre pensi che tuo figlio ringrazierebbe il cacciatore animale? Cordialmente Carmela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non mi piacerebbe. E no, non è ridicolo pensare al fatto che in alcuni casi i cacciatori riequilibrino l'ecosistema (se la caccia è di selezione) perchè, purtroppo, essendo molti predatori come lupi, linci e orsi scomparsi, le specie da questi predatori precedentemente tenute sotto controllo numerico (caprioli, cervi, cinghiali) si sono riprodotte troppo e creano danni ambientali notevoli. Oh io non sono preoccupata per la tua anima, a quella ci pensi tu, come io penso alla mia e a quella di casa mia. che ti devo dire...è un discorso che potrebbe andare avanti giorni e ore. Io mi mostro per quello che sono e sono anche questo (non è la prima foto in cui compare un animale imbalsamato qui sul mio blog. ho 4 tassidermie in casa).
      Mi spiace averti dato fastidio e averti delusa.
      Francesca

      Elimina
  13. Grazie per la risposta alle mie domande.... "no non mi piacerebbe"...bisognerebbe sforzarsi, tutti, di non fare agli altri quello che non vogliamo sia fatto a noi...per questo ti chiedo scusa per il tono del primo commento..Ma per me è incomprensibile che nel 2014 esista ancora gente che pratichi la caccia...oltretutto senza il minimo rimorso, anzi mostrando trofei e giustificando la loro crudeltà..
    Non credo che ti rammaricherai ma non seguirò più il tuo blog. Felice proseguimento Carmela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà mi spiace ma se il mio blog e il mio stile di vita urta a tal punto la tua sensibilità ovviamente non devi continuare a seguirmi.
      Buon tutto.

      Elimina
    2. Però Carmela...
      visto che tu, a differenza mia, sei tanto coerente...
      dimmi...tu mangi la carne....
      prova a ribaltare la situazione un attimo...
      a te piacerebbe essere messa in pentola?
      Francesca

      Elimina
    3. Non riesco a vedere la differenza tra una beccaccia imbalsamata e un paio di scarpe di cuoio...

      Da secoli le beccacce sono state utilizzate come cibo per grandi festività e la caccia esiste da migliaia di anni e se è fatta con criterio non vedo perchè non debba esistere.
      A furia di perseguire miopi tendenze animaliste ci troviamo con le montagne piene di vipere, centinaia di cinghiali che danneggano coltivazioni e provocano incidenti sulle strade, invasioni di miniconigli in ogni dove.
      Come per tutte le cose la giusta misura sta nel mezzo! Odio ogni estremismo.

      PS Bel blog, conosciuto oggi e credo che da oggi inizierò a seguirlo!

      Elimina
  14. Francesca le tue foto e le tue parole come sempre sono bellissime. Condivido tutto, anch'io faccio fatica a stare lontana dalla mia casa, dalla mia famiglia e da mio marito. Per il resto... io trovo che l'amore e la luce che traspaiono dalle tue foto e dalla tua casa siano un chiaro segno della bellezza della tua anima. Un abbraccio.
    Anna

    RispondiElimina
  15. "molta gente ha girato mezzo mondo e non conosce nemmeno il bosco che ha dietro casa"
    ...sei un mito Fra...!
    Buona estate!
    Barbara

    RispondiElimina
  16. oggi ho avuto l'opportunità di guardare attraverso il tuo blog, i miei complimenti per il modo di descrivere le cose.

    RispondiElimina
  17. I miei complimenti per il tua blog ,e meraviglioso !

    RispondiElimina
  18. Ti leggo e ti rileggo, e più che lo faccio trovo delle affinità con le tue parole e con il tuo pensiero.
    Ho trentacinque anni (compiuti proprio da poco tempo), ed anche se l'aspetto (e gli acciacchi) me ne danno di più, ila mente è quella di un giovane. Un giovane che non ha mai potuto viaggiare, e che lo ha fatto (e lo fa ancora) leggendo libri, guardando documentari, lasciandosi trasportare dai sogni.
    Penso all'Andalusia e a Parigi (unici posto che ho visitato), e penso a tutte quelle mete che vorrei raggiungere con mia Moglie.
    Penso a quanto sarebbe bello conoscere altre realtà, persone, culture...e al confronto con tutte queste cose.
    Ma la campagna è sopratutto Impegno e Costanza, una scelta di vita a tutto tondo che non mi permette certe cose.
    Non ho figli per adesso, ma non penso a questi come un impedimento, anche se (come giustamente dici te) bisognerebbe tenere conto di loro, e farlo crescere un poco.
    Vorrei...ma per adesso non posso, e non si tratta solo di un aspetto economico (sarebbe riduttivo ed ipocrita se considerassi solo questo).
    Si tratta piuttosto di un sentirsi legati ad un posto, e all'incapacità di tenercisi lontani: dopo 3 giorni che sono fuori casa inizio fisicamente a stare male, lo sento di pancia e di stomaco, e sento che ho bisogno della "mia aria"...dei "miei colori"...dei "miei odori" (...ed anche della mia dispensa!).
    Ecco che internet mi aiuta in questo, e proprio con questo tento di colmare la mia voglia di viaggio, evadendo nei racconti altrui, e perdendomi in viaggi mai fatti...salvo poi staccare il PC e sdraiarmi nel mio letto.
    La terra mi chiama, la mia casa mi chiama, la mia vita mi chiama...e non riesco più a farne a meno...non voglio farne a meno.
    Ti abbraccio
    A.A.

    RispondiElimina